Ecco come ridurre lo spreco in cucina: ScrapsBook by Ikea

Come riutilizzare gli scarti in cucina? Ikea con il suo ScrapsBook ci dà qualche suggerimento. Anche gli scarti possono avere una nuova vita, grazie alla cosiddetta cucina del riciclo, atta a ridurre lo spreco di alimenti. Gambi di broccolo, bucce di patata, avanzi di pane, formaggio vecchio, ecc. possono essere riciclati, e godere di una nuova, e altrettanto gustosa, esistenza.

L’incredibile spreco

Sprecare qualcosa è davvero un peccato. Che si tratti di cibo, acqua, oppure altri tipi di prodotti o competenze, lo spreco risulta un atto di perdita per chi lo fa, ma anche, in un’ottica più generale, per la società e l’ambiente.

La quantità di cibo sprecata giornalmente è spaventosa. Prodotti ancora edibili e riutilizzabili vengono quotidianamente gettati nel cestino. Ogni volta che ci penso mi viene davvero da piangere, oltre a pensare a miei genitori che da piccola mi ammonivano, dicendomi di non sprecare il cibo.

Scrapsbook Ikea ricettario antispreco no agli scarti in cucina Giada Rochetto

Per ridurre lo spreco, per incentivare una vita più sostenibile e un riciclo attivo, molte aziende si sono mosse e si stanno muovendo Un esempio è Ikea che, oltre ad aver siglato una collaborazione con Too Good To Go, ha lanciato un nuovo progetto: ScrapsBook.

ScrapsBook, il ricettario per cucinare con gli scarti di cibo

Che cos’è ScrapBook? Si tratta di un ricettario scritto in collaborazione con 10 chef nord-americani, ricco di ricette (una cinquantina) e ad altre curiosità, per riutilizzare gli scarti prodotti in cucina e gli avanzi di cibo.

Ikea identifica la cucina come il cuore pulsante della casa, un cuore che purtroppo spesso è un teatro di sprechi di vario tipo.

L’ebook in questione è scaricabile gratuitamente sul sito Ikea (ti lascio il link qualora ti incuriosisse).

Ti confesso che questa nuova iniziativa sostenibile mi è piaciuta molto. Appena l’ho scoperta, sono andata subito a scaricarmi l’ebook, alla ricerca di consigli golosi da mettere in campo. Di mio non amo sprecare e cerco quanto più possibile di riciclare, riutilizzare oppure condividere e regalare quello che avanza.

Le mie idee per ridurre lo spreco

Oltre agli spunti utilissimi e facilmente applicabili proposti da Ikea nel suo ScrapsBook, mi piacerebbe regalarti qualche spunto che utilizzo per contenere gli sprechi.

Eccone qui alcuni:

salva le bucce. Se lavi bene ortaggi come carote e patate, togliendo soltanto eventuali parti rovinate, potrai consumarle con la buccia, che sia una minestra, passate in padella o al forno.

-usa l’acqua di cottura delle verdure per annaffiare le piante. Hai lessato o cotto al vapore delle verdure? Non buttare l’acqua rimanente. Una volta fredda, utilizzala per bagnare le piante.

pane secco? Trasformalo in pangrattato.

-le foglie del ravanello si possono mangiare. Lo sapevi? Fino a qualche anno fa buttavo le foglie dei ravanelli, poi ho provato a lavarle, tagliarle e aggiungerle a minestre e frittate e ti dirò, ora non le cestino più.

Queste sono solo delle piccole idee, le possibilità di riciclo sono innumerevoli.

In un mondo abituato a buttare e a sostituire subito qualcosa con altro di nuovo, scelgo di riutilizzare, riparare e di dare una nuova vita a cibo, oggetti vari e vestiti.

Alla prossima puntata 😉

Ne conosci degli altri? Parliamone nei commenti.

2 Responses

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *